Autore: paolo

PROGETTO MINIBOND - FINLOMBARDA e REGIONE LOMBARDIA

webcard_minibond-06-3-1

CHE COS’E’

Il progetto MINIBOND è l’iniziativa di Regione Lombardia e Finlombarda S.p.A. che sostiene i piani di sviluppo delle imprese lombarde attraverso la sottoscrizione di obbligazioni di una taglia tra 1 e 20 milioni di euro (Minibond)  con risorse di Finlombarda S.p.a. in qualità di intermediario finanziario, per una quota massima del 40% dell’importo proposto in emissione dalle imprese.

Le imprese possono contare anche su un contributo a fondo perduto (Voucher) da parte di Regione Lombardia con importo massimo di 30.000 euro per ridurre i costi di emissione e sul supporto gratuito di Finlombarda S.p.A. nel processo di emissione.

A CHI SI RIVOLGE

Possono essere ammesse le imprese che, alla data di presentazione della domanda di partecipazione, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • abbiano Sede legale e/o Sede operativa in Lombardia;
  • siano costituite in forma di società di capitali;
  • abbiano avuto, negli ultimi due bilanci approvati, ricavi delle vendite medi non inferiori a 5 milioni di euro;
  • abbiano fatto registrare un MOL nell’ultimo bilancio approvato, superiore al 5% dei ricavi;
  • abbiano un rapporto tra PFN e Patrimonio Netto (leverage), nell’ultimo bilancio approvato, non superiore a 2,5;
  • possiedano un rapporto tra PFN e MOL desunto dall’ultimo bilancio approvato non superiore a 5;
  • abbiano un rapporto tra MOL e oneri finanziari desunto dall’ultimo bilancio approvato non inferiore a 3;
  • siano attive in uno dei settori di cui alla classificazione ATECO 2007, ad esclusione dei settori L (Attività immobiliari) e K (Attività finanziarie ed assicurative).

DOTAZIONE FINANZIARIA

Regione Lombardia mette a disposizione euro 2.500.000 per la concessione del voucher. Per la sottoscrizione di Minibond sono disponibili euro 300.000.000 di cui 120.000.000 a carico di Finlombarda ed euro 180.000.000 a carico di investitori istituzionali convenzionati con Finlombarda.

 

CARATTERISTICHE DEL MINIBOND

  • Durata: 3-7 anni.
  • Modalità di rimborso: bullet (pagamento del capitale a scadenza) o amortising, con pagamento in entrambi i casi degli interessi semestrali o annuali eventualmente richiedendo un pre-ammortamento di massimo 36 mesi in linea con gli investimenti da effettuare.
  • Taglio: tra 1 e 20 milioni di euro
  • Condizioni di emissione: stabilite in base alle caratteristiche economico-finanziarie delle imprese e proposte da Finlombarda in seguito alla propria valutazione di credito positiva indicando una cedola ad un livello compreso tra il 2,75% e il 7%.
  • Garanzie ed impegni: nel regolamento del titolo potranno eventualmente essere presenti garanzie reali, ivi incluse, senza limitazioni, ogni garanzia reale, ipoteca, usufrutto, pegno, vincolo, diritto di superficie, servitù su beni di cui l’impresa sia proprietaria e del Fondo Centrale di Garanzia.
  • Finlombarda si avvarrà di provvista della Banca Europea degli Investimenti al fine di ridurre i costi per l’impresa emittente, retrocedendo sulla propria quota, ad ogni stacco cedola, 25 punti base applicati all’importo nominale sottoscritto.

 

CARATTERISTICHE DEL VOUCHER

L’importo massimo è fissato in euro 30.000. Per ottenerlo le imprese dovranno:

  • superare positivamente l’istruttoria formale;
  • superare positivamente la valutazione di merito creditizio di Finlombarda e aver ottenuto una lettera di impegno alla sottoscrizione;
  • concludere la fase di sottoscrizione dell’obbligazione.

Sono ammesse le spese (al netto di IVA) relative a:

  • costi legali per la predisposizione del prospetto informativo;
  • oneri relativi al monte titoli;
  • costi di quotazione sul mercato scelto da parte dell’impresa beneficiaria;
  • costi di banca depositaria del primo anno di quotazione;
  • costi di certificazione del bilancio di esercizio.

 

COME PRESENTARE LE DOMANDE

La domanda può essere presentata dal legale rappresentante o dal suo delegato solo online sulla piattaforma SiAge Sistema Agevolazioni. Tutti i documenti e le informazioni necessarie sono disponibili sul sito www.finlombarda.it.

 

 


BANDO VOUCHER PER LO SVILUPPO DI IMPRESE COOPERATIVE

claudio

CHE COS’É

Unioncamere Lombardia ha approvato il bando “Voucher per lo sviluppo di imprese cooperative”.

 

A CHI SI RIVOLGE

Il presente bando è rivolto alle  MPMI – micro, piccole e medie imprese – costituite in forma cooperativa con sede legale e/o unità operativa in Lombardia e che abbiano i seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

–  Per la “Misura Servizi” che siano iscritte e attive nel registro delle imprese delle camere di Commercio come imprese cooperative, cooperative sociali e consorzi costituiti da un minimo di 12 mesi fino ad un massimo di 36 mesi.

– Per la Misura “Circoli Cooperativi” che siano iscritte e attive nel registro delle Camere di Commercio come imprese cooperative, con i requisiti dei circoli cooperativi.

 

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili al sostegno:

– Per la Misura “Servizi”: acquisizione di servizi orientati allo sviluppo, all’innovazione e alla strutturazione di processi imprenditoriali.

– Per la Misura “Circoli Cooperativi”: ristrutturazione di sedi e attrezzature necessari allo svolgimento dell’attività sociale dei circoli con dotazione finanziaria pari.

 

 

FORMA DEL CONTRIBUTO

La dotazione finanziaria complessiva del bando è pari a € 600.000, interamente stanziati da Regione Lombardia, così suddivisa:

Misura “Servizi”: con dotazione finanziaria pari a 350.000.

Misura “Circoli Cooperativi”: con dotazione finanziaria pari a 250.000.

Per entrambe le misure è prevista la concessione di contributo pari a:

–  € 5.000  a fondo perduto di importo fisso (voucher);

–  € 6.500 a rimborso di una spesa minima di pari valore.

 

COME PRESENTARE LE DOMANDE

Le richieste possono essere presentate dalle ore 14:30 dell’11 ottobre 2016  sino alle ore 12:00 del 4 novembre 2016 a Unioncamere Lombardia, esclusivamente tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it

 


REGIONE LOMBARDIA BANDO PER L’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLE PMI LOMBARDE

webcard-bando-energiegia-1

CHE COS’É

Il presente bando è destinato alle Imprese Lombarde per incentivare la realizzazione delle diagnosi energetiche o l’adozione del sistema di gestione ISO 50001 in una o più delle sedi operative.

A CHI SI RIVOLGE

Il presente bando è rivolto alla PMI – piccole e medie imprese – che abbiano i seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  • la sede legale e la sede operativa in Lombardia;
  • non siano iscritte nell’elenco annuale istituto presso la Cassa Conguaglio per il settore elettrico ai sensi del decreto interministeriale 5 aprile 2013;
  • mantengano il requisito di cui sopra in sede di pagamento del contributo;
  • siano regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese da almeno 2 anni alla data del 30.10.2015;
  • se si tratta di imprese di servizi, siano costituite sotto forma di società;
  • siano compatibili con i criteri indicati agli aiuti «de minimis»;
  • siano in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica.

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili al sostegno:

  • la realizzazione di diagnosi energetiche secondo norme tecniche UNI CEI 16247 – 1-2-3-4, che dovranno essere condotte da società di servizi energetici, esperti in gestione dell’energia o auditori energetici, certificati da organismi accreditati ai sensi dell’art. 8, c. 2 d.lgs. 102/14;
  • l’adozione del sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001, comprovato da un certificato di conformità rilasciato da Organismo terzo, indipendente ed accreditato.

la stessa adozione deve riguardare l’intera sede operativa a cui è riferita e non può essere circoscritta ad una sola filiera produttiva o a un solo comparto della medesima sede.

FORMA DEL CONTRIBUTO

L’importo delle risorse messe a disposizione è pari a € 2.271.132.

Il contributo è finalizzato a coprire il 50% delle spese ammissibili per la realizzazione di diagnosi energetiche o per l’adozione del sistema di gestione ISO 50001.

Le spese ammissibili non saranno considerate oltre l’importo di €10.000 al netto dell’iva per ciascuna diagnosi energetica; € 20.000 al netto dell’iva per ciascuna adozione del sistema di gestione ISO 50001.

Pertanto, il contributo massimo che potrà essere ricondotto sarà di:

  • € 5.000 per ogni diagnosi energetica;
  • € 10.000 per ogni adozione del sistema di gestione ISO 50001

COME PRESENTARE LE DOMANDE

Le richieste possono essere presentate dal 28 settembre 2016 esclusivamente on-line tramite il Sistema Informativo “SIAGE”, all’indirizzo web http://www.agevolazioni.regione.lombardia.it.

Tutti i documenti sono pubblicati sul BURL n.37 di martedì 13 settembre 2016.

 


REGIONE BANDO

REGIONE LOMBARDIA INFORMAZIONE E PROMOZIONE DEI PRODOTTI DI QUALITÀ

REGIONE BANDO

CHE COS’É

Regione Lombardia intende migliorare la conoscenza dei prodotti tutelati da sistemi di qualità riconosciuti a livello comunitario o nazionale e sostenere la promozione dei prodotti rivolti ai cittadini. L’obiettivo è di sostenere i programmi di attività di informazione e promozione della qualità dei prodotti rivolti ai cittadini e svolti dagli organismi che rappresentano i produttori che partecipano ai sistemi di qualità.

A CHI SI RIVOLGE

il presente bando si rivolge a:

  • consorzi e associazioni di produttori biologici,
  • consorzi di tutela dei prodotti DOP e IGP,
  • consorzi di tutela dei vini a denominazione,
  • associazioni di produttori di sistema di qualità di produzione integrata,
  • associazioni di produttori di sistema di qualità nazionale zootecnia
  • aggregazioni di soggetti sopra elencati.

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili al sostegno i programmi di informazione, promozione e pubblicità nel mercato interno relativi esclusivamente ai prodotti rientranti in un regime di qualità che favoriscano la conoscenza delle caratteristiche principali del prodotto di qualità e ne favoriscano la loro diffusione e commercializzazione in Italia e/o all’estero.

Sono ammissibili azioni di informazione, promozionali, di organizzazione e partecipazione a manifestazioni, fiere, eventi ed esposizioni e azioni promozionali a carattere pubblicitario.

FORMA DEL CONTRIBUTO

l’importo delle risorse messe a disposizione è pari a € 2.500.000, per ogni domanda la spesa minima ammissibile è pari a € 30.000, (iva esc.) e la spesa massima ammissibile è pari a € 200.000, (iva esc.).

L’aiuto è concesso in conto capitale e il contributo è pari al 70% della spesa ammessa per azioni di informazione, promozionali e organizzazione e partecipazione a manifestazioni, fiere eventi ed esposizioni e al 50% della spesa ammessa per azioni promozionali a carattere pubblicitario.

COME PRESENTARE LE DOMANDE

Le richieste possono essere presentate, dal 20 settembre 2016 al 14 novembre 2016, per via telematica tramite la compilazione della domanda informatizzata presente all’indirizzo https://agricoltura.servizirl.it/PortaleSisco/.

Tutti i documenti sono pubblicati sul BURL n. 38 di lunedì 19 settembre 2016.

 

 

 


REGIONE LOMBARDIA BANDO INTRAPRENDO

 

definitivo-intraprendo

CHE COS’É

Il bando favorisce e stimola l’imprenditorialità lombarda, mediante l’avvio e il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali e di autoimpiego con particolare attenzione alle iniziative intraprese da giovani (under 35 anni) o da soggetti maturi (over 50 anni) usciti dal mondo del lavoro o da imprese caratterizzate da elevata innovatività e contenuto tecnologico.

A CHI SI RIVOLGE

Possono partecipare i soggetti che posseggono uno dei seguenti requisiti:

a) siano MPMI iscritte al registro elle Imprese da non più di 24 mesi, con sede operativa attiva in Lombardia;

b) siano liberi professionisti in forma singola che abbiano avviato la propria attività professionale da non più di 24 mesi e che abbiano eletto a luogo di esercizio prevalente  dell’attività professionale uno dei comuni di Regione Lombardia e che risultino iscritti all’albo professionale del territorio di Regione Lombardia;

c) siano “aspiranti imprenditori”, ossia persone fisiche che provvedano, nel termine perentorio di 90 giorni a partire dalla data del decreto di assegnazione, a iscrivere ed attivare nel Registro delle Imprese di una delle CCIAA di Regione Lombardia una MPMI;

d) siano “aspiranti liberi professionisti in forma singola”, ossia persone fisiche, non ancora in possesso di una partita IVA riferibile all’attività professionale che intendono avviare, iscritte per tale attività all’albo professionale del territorio di Regione Lombardia. I soggetti sono tenuti, nel termine perentorio di 90 giorni ad aprire la Partita Iva riferibile all’attività professionale oggetto del Progetto.

PROGETTI AMMISSIBILI

Per la realizzazione della finalità del bando possono essere presentati progetti di:

a) avvio/o sviluppo di MPMI;

b) avvio e/o sviluppo di lavoro libero-professionale in forma singola.

Sono ammissibili progetti che comportino spese totali uguali o superiori a euro 41.700. L’intervento finanziario sarà concesso da un minimo di euro 25.000 fino a un massimo di euro 65.000

FORMA DEL CONTRIBUTO

La linea ha una dotazione complessiva pari ad euro 30.000.000. Il bando è attuativo della prima finestra con una dotazione di euro 15.000.000 e prevede la concessione di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto.

COME PRESENTARE LE DOMANDE e INFORMAZIONI

La domanda deve essere presentata online sulla piattaforma Sigge all’indirizzo risorse. Per informazioni accedere al sito www.sviluppoeconomico.regione.lombardia.it

Il Bando è pubblicato sul BURL n.27 di Giovedì 07 luglio 2016.

 


L’ALIMENTAZIONE AL CENTRO DI EXPO 2015 - UNA CHIAVE PER FARE STARE BENE NOI E IL MONDO

 

“Noi siamo ciò che mangiamo”.

– Conversazione con Pietro Leemann, Ambassador Expo Milano 2015 –

Leggere di più


EXPO 2015: PIU' DI 140 PAESI PRONTI AL VIA

download

– Conversazione con Nausika Spahia, Direttore generale World Expo Commissioners Club –Leggere di più


SPERLARI, DAL 1836 LA TRADIZIONE PASTICCERA ITALIANA

download-2
Dal 1836 le specialità tipiche dolciarie della tradizione italiana, eccellenza mondiale: dal torrone alla mostarda e alle caramelle più famose come le Galatine. Leggere di più